MIGRENì

MIGRENì:

Un aiuto naturale per la prevenzione dell'emicrania


Cinque principi attivi per ridurre sensibilmente le crisi emicraniche

E' un composto studiato per la prevenzione di emicrania con e senza aura ed emicrania premastruale. la sua formulazione in compresse è composta da:

  1. Partenio
  2. Zenzero
  3. Caffeina
  4. Triptofano
  5. Magnesio

Le attività farmacologiche più importanti sono dovute al PARTENIO e allo ZENZERO. Il Partenio ha dimostrato,con ampi studi,come possa essere di particolare beneficio nel trattamento di alcuni tipi di emicrania. Se preso a cicli riduce la frequenza delle crisi emicraniche e la loro dolorabilità

PARTENIO

Le attività farmacologiche più importanti dimostrate dal partenio sono:

  • Effetto antinfiammatorio
  • Inibizione dell'aggregazione piastrinica
  • Riduzione della sintesi delle prostaglandine

Il partenio è ricco di lattoni sesquiterpenici di cui il principale è il partenolide che aiuta a prevenire l'eccessiva aggregazione piastrinica e inibisce il rilascio di alcune sostanze chimiche che rappresentano i mediatori infiammatori.

ZENZERO

Lo zenzero ha una riconosciuta attività antiossidante e analgesica,con un meccanismo d'azione simile al partenio,in quanto agisce nella riduzione dei mediatori pro-infiammatori quali trombossani e leucotrieni.

Lo Zenzero ha anche attività antistaminiche. L'istamina viene considerata una molecola coinvolta nelle crisi emicraniche in quanto possiede attività vasodilatatorie.

MAGNESIO

Svolge un ruolo importante nella produzione e regolazione della serotonina e di altri neurotrasmettitori. E' stato dimostrato che soggetti sofferenti di emicrania hanno bassi livelli di magnesio nel liquidi cerebro-spinale. Migrenì aumenta i livelli di magnesio in tali sedi

CAFFEINA

Essa ha la funzione di bloccare i recettori di adenosina presenti nel tessuto nervoso e quindi responsabile della vasocostrizione dei vasi sanguigni, il che allevia la pressione vascolare riducendo così il "mal di testa". 

 TRIPTOFANO

L-TRIPTOFANO (precursore della serotonina)
I soggetti che soffrono di emicrania hanno livelli plasmatici di serotonina più bassi rispetto ad altri. Una supplementazione di L-triptofano ha mostrato di ridurre la gravità degli attacchi nell'86% dei casi migliorando la sintomatologia dolorosa.