Acido butirrico nella sindrome dell'intestino irritabile

Andrzej Załęski , 1 Aleksandra Banaszkiewicz ,  1 e Jarosław Walkowiak 2


Abstract

Potenziali meccanismi d'azione del butirrato


Il  butirrato influenza direttamente la flora gastrointestinale. La presenza di specie batteriche che producono butirato sopprime la crescita di Escherichia coli, Campylobacter spp. , Salmonella spp. e Shigella spp. [ 20 ] . L'acido butirrico può anche svolgere un ruolo benefico nel trattamento delle infezioni gastrointestinali. Nella shigellosi sperimentale, l'integrazione enterica di SCFA ha ridotto la congestione, l'infiltrazione di cellule infiammatorie e le caratteristiche necrotizzanti nella mucosa, con conseguente riduzione della quantità di sangue e muco fecali [ 21 ]. L'efficacia dell'acido butirrico nella prevenzione della perdita di acqua, sodio, cloro e potassio conferma le osservazioni fatte negli animali con colera [ 22 ]. Il fatto che l'assorbimento passivo dell'acqua nel colon dipenda dalla presenza di SCFA può spiegare il ruolo potenziale del butirrato nelle condizioni cliniche che coinvolgono la diarrea [ 23 ]. Gli effetti trofici del butirrato sulla proliferazione delle cellule intestinali sono stati dimostrati in modelli animali. L'integrazione dietetica con butirrato ha stimolato l'allungamento dei villi nell'ileo e la profondità della cripta nel cieco [ 24 , 25 ]. L'acido butirrico ha anche dimostrato di esercitare potenti effetti antinfiammatori sia in vitro che in vivo . La sua attività immunoregolatoria e antinfiammatoria si basa presumibilmente sull'inibizione topica dei mediatori infiammatori nell'epitelio. È stata documentata la capacità del butirrato di ridurre le concentrazioni di citochine pro-infiammatorie come l'interleuchina 8 (IL-8) e il fattore di necrosi tumorale-α (TNF-α) [ 26 ]. Nei topi, la somministrazione intrarettale di acido butirrico durante una fase acuta della colite sperimentale ha attenuato i parametri infiammatori intestinali [ 27 ]. Sono stati osservati anche alcuni effetti antinfiammatori del butirrato nel trattamento della colite ulcerosa e della proctite da radiazioni [ 28 , 29 ]. I meccanismi precisi alla base di questi effetti non sono stati completamente chiariti. Il sollievo dal dolore addominale sembra essere un aspetto molto importante del trattamento IBS. Il butirrato ha una probabile influenza benefica sull'ipersensibilità dei recettori intestinali, che si traduce in una diminuzione della pressione intraintestinale. Migliora la peristalsi intestinale e la retrattilità dello strato muscolare circolare [ 9 ].

In sintesi, l'integrazione di butirrato sembra essere una terapia promettente per IBS. Tuttavia, i dati sulla sua efficacia sono ancora molto limitati.

Riferimenti



9. Banasiewicz T, Kaczmarek E, Maik J, et al. La qualità di vita e i sintomi clinici ai pazienti con sindrome di intestino irritabile trattati in modo complementare con butirrato di sodio protetto. Gastroenterol Prakt. 2011; 5 : 45–53.

20. Chen CC, Walker WA. Probiotici e prebiotici: ruolo negli stati clinici di malattia. Adv Pediatr. 2005; 52 : 77–113. 

21. Rabbani GH, Akbert MJ, Hamidur Rahman AS, et al. Gli acidi grassi a catena corta migliorano le caratteristiche cliniche, patologiche e micobiologiche della shigellosi sperimentale. J Infect Dis. 1999; 179 : 390–7. 

22. Rabbani GH, Albert MJ, Rahman H, et al. Gli acidi grassi a catena corta inibiscono la perdita di liquidi ed elettroliti indotta dalla tossina del colera nel colon prossimale del coniglio in vivo. Dig Dis Sci. 1999; 44 : 1547–53. 

23. Velázquez OC, Lederer HM, Rombeau JL. Butirrato e colonociti. Produzione, assorbimento, metabolismo e implicazioni terapeutiche. Adv Exp Med Biol. 1997; 427 : 123–34. 

24. Gálfi P, Bokori J. Sentiero alimentare nei suini con una dieta contenente n-butirrato di sodio. Acta Vet Hung. 1990; 38 : 3–17. 

25. Kotunia A, Woliński J, Laubitz D, et al. Effetto del butirrato di sodio sullo sviluppo dell'intestino tenue nei suinetti neonatali alimentati da scrofa artificiale. J Physiol Pharmacol. 2004; 55 : 59–68. 

26. Andoh A, Bamba T, Saski M. Ruoli fisiologici e antinfiammatori delle fibre alimentari e del butirrato nelle funzioni intestinali. J Parent Enteral Nutr. 1999; 23 : 70–3. 

27. Mishiro T, Kusunoki R, Otani A, et al. L'acido butirrico attenua l'infiammazione intestinale nel modello di colite indotta da DSS murino attraverso il fattore 8. EGF globulo-grasso del latte. Lab Invest. 2013; 93 : 834–43. 

28. Breuer RI, Soergel KH, Lashner BA, et al. Irrigazione rettale di acidi grassi a catena corta per colite ulcerosa sinistra: uno studio randomizzato, controllato con placebo. Intestino. 1997; 40 : 485–91. 

29. Pinto A, Fidalgo P, Cravo M, et al. Gli acidi grassi a catena corta sono efficaci nel trattamento a breve termine della proctite da radiazioni croniche: studio randomizzato, in doppio cieco, controllato. Dis Colon Rectum. 1999; 42 : 788–95. 

Fonte: PubMed